notizia16 dicembre 2022

Servizio civile universale, al via le candidature per il progetto “Io Non Rischio 365: la comunicazione”

I candidati potranno presentare la domanda entro le ore 14 del 10 febbraio 2023

Servizio Civile Universale - Immagine in evidenza

È stato pubblicato il 15 dicembre, sul sito del Dipartimento per le Politiche giovanili e il Servizio Civile Universale, il bando per la selezione di 71.550 operatori volontari da impiegare in progetti di Servizio civile universale da realizzarsi tra il 2023 e il 2024 in Italia e all’estero.

Tra i programmi d’intervento ammessi figura anche “Io Non Rischio 365: buone pratiche di protezione civile” – promosso da Anpas - Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze in collaborazione con il Dipartimento della Protezione Civile e Fondazione Cima – che prevede il coinvolgimento di 30 volontari interessati ad approfondire i temi legati alla campagna Io non rischio.

I candidati potranno scegliere tra tre progetti afferenti al programma: “Io Non Rischio 365: il volontariato” e “Io Non Rischio 365: la popolazione”, entrambi curati da Anpas, e “Io Non Rischio 365: la comunicazione” realizzato dal Dipartimento insieme a Fondazione Cima. Per quest'ultimo progetto, della durata di un anno, verranno selezionati quattro giovani che avranno la possibilità di contribuire alla diffusione delle buone pratiche di protezione civile partecipando attivamente all’elaborazione di contenuti multimediali da veicolare tramite il sito web e i canali social di Io non rischio. L’obiettivo è quello di guardare alla comunicazione del rischio da un nuovo punto di vista, quello delle nuove generazioni, per sfruttare a pieno i linguaggi e i meccanismi che governano i social media e ampliare il target di riferimento della campagna. I volontari che parteciperanno al progetto avranno anche un ruolo di supporto nell’analisi dei risultati e dei linguaggi comunicativi finora utilizzati nella campagna al fine di migliorarne l’efficacia.

Comunicazione e diffusione delle buone pratiche, ma non solo. Scegliendo questo progetto, i giovani che trascorreranno un anno al Dipartimento della Protezione Civile e alla Fondazione Cima avranno l’opportunità di formarsi su altri temi di rilievo – come quelli della sicurezza e della riduzione del rischio – confrontandosi con chi è impegnato quotidianamente nel campo della prevenzione e dell’emergenza. I volontari potranno comprendere il funzionamento del Sistema di protezione civile e approfondire le conoscenze sui rischi naturali che interessano il nostro Paese, osservando da vicino le attività e gli strumenti impiegati per il monitoraggio del territorio  nazionale e le azioni messe in campo dalle Componenti e dalle Strutture operative in caso di emergenza. Il progetto rappresenta una preziosa occasione di crescita e formazione per quanti vogliono sentirsi parte di un servizio importante per il Paese e intendono contribuire concretamente alla diffusione della cultura della prevenzione e del rispetto dell’ambiente e del territorio.

Possono candidarsi al progetto “Io Non Rischio 365: la comunicazione” tutti i giovani che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto i 18 e non superato i 28 anni di età e che abbiano la cittadinanza italiana, ovvero di uno degli altri Stati membri dell’Unione Europea o di un Paese extra Unione Europea purché regolarmente soggiornanti in Italia.

Le domande potranno essere presentate fino alle ore 14.00 del 10 febbraio 2023 attraverso la piattaforma DOL-Domanda on line raggiungibile all’indirizzo: https://domandaonline.serviziocivile.it

Per maggiori informazioni sul progetto è possibile consultare la scheda in allegato.

Fonte foto: Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale