28 luglio 2016

Light Detection and Ranging - Lidar (versione inglese)

Il Lidar - Light Detection and Ranging - è uno strumento attivo per lo studio dell'atmosfera, che consente di determinare la distanza di un oggetto o di una superficie utilizzando un impulso laser e di definire le variazioni dei parametri atmosferici di interesse meteorologico e climatologico.

La tecnica Lidar ha una propria sorgente di radiazione (il laser), che invia impulsi nell'atmosfera nelle lunghezze del visibile, dell'ultravioletto o nell'infrarosso e permette di localizzare e ricavare immagini e informazioni su oggetti molto piccoli.

A seconda del tipo di radiazione utilizzata, si possono studiare particelle di diverse dimensioni e gli aerosol (particelle leggere e sospese), che hanno una dimensione che va dalla frazione del µm (micron) a qualche centinaia di µm.

L'attività del gruppo Lidar si inserisce in una linea di ricerca avanzata e fa parte della rete europea Earlinet (European Aerosol Research lidar Network), nata nel 2000 con l'obiettivo di studiare gli aerosol su scala continentale.

Attualmente le attività della rete sono finanziate dal progetto europeo FP6 Earlinet-Asos (Advanced Sustainable Observation System) e sono coordinate dal gruppo lidar CNR-IMAA (Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Metodologie per l'Analisi Ambientale).

L'attività è bastata anche sull'integrazione di dati che provengono da strumenti diversi utilizzati in via sperimentale dal CNR-IMAA.
Oltre a un lidar fisso e ad un lidar trasportabile, vengono usati anche radiometri per la misura della radiazione in atmosfera, sistemi di radiosondaggio (per misure di pressione, temperatura, umidità relativa, velocità e direzione del vento, ozono) e una strumentazione per il campionamento del particolato.