Magazine

Incendi: nel 2014 aumentati del 50% rispetto all’anno scorso

19 agosto 2014

Operatore impegnato nello spegnimento di un incendiodi Veronica Tretter

Sono 2.653 gli incendi boschivi divampati dall'inizio dell'anno, che hanno percorso 8.729 ettari di superficie (3.842 ettari di superficie boscata e 4.887 ettari di superficie non boscata). Secondo i dati, ancora provvisori, del Corpo Forestale dello Stato, dal 1° gennaio al 14 agosto 2014 il numero degli incendi è aumentato di circa il 50% rispetto all’anno scorso. Anche se è diminuito di circa il 30% rispetto alla media del quadriennio 2010-2013.

Le superfici percorse dal fuoco fanno invece registrare valori molto bassi sia rispetto al 2013 (- 57%) sia rispetto alle medie stagionali del quadriennio (-81%). Il calo è dovuto principalmente agli effetti delle abbondanti precipitazioni che hanno mantenuto alta l’umidità del suolo e aumentato la massa della vegetazione. I focolai di incendio hanno quindi “faticato” ad espandersi con una vegetazione particolarmente rigogliosa.

La "mappa dei roghi" vede la Sardegna come la regione più colpita (con 1.539). Seguono la Sicilia (236), la Puglia (156), il Piemonte (152), la Calabria (106), la Lombardia (99). La più estesa superficie boscata percorsa dal fuoco è in Sicilia (1.517 ettari). Seguono la Sardegna (1.158), la Puglia (448), il Piemonte (149), il Lazio (131), e la Calabria (104).

Per maggiori informazioni e dettagli: www.corpoforestale.it