News

Sciame sismico area etnea: un punto di situazione

26 dicembre 2018

 Task force del Dipartimento in Sicilia, a supporto dei territori colpiti

CCS Catania sciame sismico etnaIl Sistema di Protezione Civile – immediatamente operativo dopo la scossa di magnitudo 4.8 che nella prima mattina di oggi ha colpito la provincia di Catania – è tutt'ora impegnato nelle attività di monitoraggio e di verifica sul territorio.

I lavori del Comitato Operativo, riunito presso il Dipartimento della Protezione Civile per lo sciame sismico in area etnea, sono proseguiti per tutta la mattinata in collegamento con la Prefettura di Catania, dove il Capo Dipartimento Angelo Borrelli - dopo un sopralluogo dell’area colpita - ha presieduto un vertice tecnico confrontandosi con Regione, Prefettura e Comuni interessati.

Sul territorio sono attivi e al lavoro il Centro coordinamento soccorsi di Catania e i Centri operativi comunali di Aci Catena, Acireale, Aci Sant'Antonio, Santa Venerina e Zafferana Etnea.

Numerosi i danni riportati in seguito ai crolli, che hanno provocato anche alcuni feriti.
Le priorità di queste ore, sottolineate anche dal Capo Dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli, riguardano l’assistenza alla popolazione e le verifiche di agibilità. Squadre regionali sono al lavoro per la gestione delle necessità delle persone fuori casa e per i primi accertamenti sulle abitazioni, sulle strutture pubbliche, sulla rete dei servizi essenziali e sulla rete viaria.

Lesionati anche diversi edifici di interesse storico-artistico, su cui sono impegnati per le attività di verifica dei danni i tecnici della Soprintendenza regionale per i beni e le attività culturali, coadiuvati da una sezione del Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale.

In seguito alla riunione in Prefettura a Catania, il Comitato Operativo ha concluso i lavori.
Il Dipartimento continua a seguire l’evolversi della situazione attraverso la Sala situazione Italia in stretto raccordo con gli enti di ricerca e le strutture operative sul territorio, e una Task force del Dipartimento ha raggiunto le aree colpite per supportare i centri operativi comunali nella gestione delle attività emergenziali, con particolare riguardo all'assistenza alla popolazione.