News

Hai cercato

Le mostre di Mesimex 2006: alla scoperta del Vesuvio

20 ottobre 2006

In occasione dell’esercitazione Mesimex 2006,  il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Dipartimento della Protezione Civile, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e in collaborazione con la Regione Campania, la Provincia di Napoli e il Comune di Napoli, promuovono una serie di iniziative culturali dedicate al Vesuvio.
Tre grandi mostre allestite in prestigiose sedi storiche – Villa Pignatelli e Palazzo Roccella a Napoli, Villa Campolieto ad Ercolano – conducono il visitatore all’interno di un percorso, tra arte, storia e scienza, dedicato al vulcano che ha segnato la storia di Napoli e del mondo intero. 

Vesuvio in fiamme, Vesuvio a colori
a cura di Nicola Spinosa. 
22 ottobre - 19 novembre 2006
Villa Pignatelli, Napoli

La mostra d’arte “Vesuvio in fiamme, Vesuvio a colori” presenta oltre cento opere raffiguranti il Vesuvio tra olii, acquerelli, gouaches, incisioni e porcellane provenienti da prestigiosi musei nazionali e internazionali e da importanti collezioni private, testimonianze della magnetica attrazione che il “gigante assopito” ha sempre esercitato nell’immaginario di artisti italiani e stranieri. L’esposizione raccoglie opere che abbracciano un vastissimo arco temporale, dalle vedute del XVII secolo fino alle celeberrime rappresentazioni di Warhol e Max Ernst e dei contemporanei Kounellis, Barisani, Clemente e Paladino

Napoli e il suo vulcano. Memorie e Documenti.
a cura di Giuseppe Galasso e Alessandro Nicosia
Palazzo Roccella, Napoli
22 ottobre - 19 novembre 2006

La prestigiosa sede di Palazzo Roccella, collocata nel cuore della città, ospita la mostra “Napoli e il suo vulcano. Memorie e Documenti” che ripercorre il filo del tempo raccontando, attraverso testimonianze inedite e materiale originale, lo straordinario rapporto che da sempre lega la città di Napoli al suo vulcano. Ripercorrendo le epoche per arrivare al XXI secolo, il visitatore potrà ammirare l’effigie dell’imponente Vesuvio in reperti antichi, incisioni, litografie, manoscritti, fino alle più recenti opere di pittori, fumettisti e fotografi contemporanei e potrà esperire, per mezzo di materiale multimediale e multisensoriale, le espressioni artistiche che vedono protagonista il vulcano in forma di musica popolare e filmati moderni.

Scienza e vulcano: millenni di storia
a cura dell’Ingv - Osservatorio Vesuviano e del Dipartimento della Protezione Civile
Villa Campolieto, Ercolano
22 ottobre - 19 novembre 2006

All’interno della settecentesca villa Campolieto, tra le splendide sale affrescate, la mostra ripercorre la storia del vulcano attraverso le eruzioni più significative. Curata dall’Ingv - Osservatorio Vesuviano e dal Dipartimento della Protezione Civile, con il contributo dell’Ente per le Ville Vesuviane, la rassegna ospita, oltre alle immagini storiche del vulcano, testi scientifici originali, una selezione di “gouaches” napoletane e una collezione di minerali, campioni di lava e ceneri vulcaniche. Accanto all’esposizione dei primi strumenti di monitoraggio di quello che è il più antico osservatorio vulcanologico del mondo, postazioni multimediali mostrano l’attuale rete di sorveglianza del vulcano, mentre una sequenza di fotografie e di filmati racconta l’attività della Protezione Civile nel campo della prevenzione del rischio vulcanico.