News

Forum europeo sulla riduzione dei rischi dal 21 novembre. Uno sguardo ai temi in discussione: la resilienza

19 novembre 2018

L’obiettivo è quello di proseguire un percorso già avviato, che promuova la sinergia tra le attività di prevenzione strutturale, le azioni di protezione civile e la costruzione di una solida cultura del rischio tra i cittadini

La Resilienza come risposta al pericolo rappresentato dai rischi naturali ed antropici. Sarà questo il tema principale di discussione al Forum Europeo 2018 sulla riduzione del rischio di disastri.

L’obiettivo è quello di proseguire un percorso già avviato, che promuova la sinergia tra le attività di prevenzione strutturale, le azioni di protezione civile e la costruzione di una solida cultura del rischio tra i cittadini, guardando alla resilienza delle comunità come risultato finale in modo da raggiungere gli obiettivi prioritari di Sendai Framework 2030.

Inoltre un particolare focus sarà riservato alla Resilienza ai Disastri per le Città. Le Nazioni Unite infatti hanno elaborato una Scorecard, cioè una scheda di valutazione riservato alle città per testare l’impegno di quest’ultime nel percorso verso uno sviluppo sempre maggiore della loro resilienza.

La scorecard è strutturata intorno ai “Dieci concetti fondamentali (Essentials) per Rendere la Città Resiliente”, sviluppata per la prima volta come parte della Hyogo Framework for Action nel 2005, e successivamente aggiornata per permettere l’implementazione del Framework di Sendai per la Riduzione del Rischio da Disastri: 2015-2030. Scopo primario della Scorecard è quello di aiutare nazioni e amministrazioni locali nel monitoraggio e nella revisione dei progressi e delle sfide per l’attuazione del Framework di Sendai e di consentire lo sviluppo di una strategia locale di riduzione del rischio (piani di azione di resilienza).

Il concetto di resilienza si riflette nella capacità di una città di comprendere i rischi da disastri che può dover fronteggiare, di mitigare tali rischi e di rispondere ai disastri che possono avvenire in modo da minimizzare sia nell’immediato che a lungo termine, le perdite di vite umane e i danni a beni, proprietà, infrastrutture, attività economiche e ambiente. Oggi il contesto cittadino e il suo equilibrio sono costruiti sempre più intorno alla capacità di recuperare sia rispetto a gravi calamità, naturali e antropiche, sia rispetto a conseguenze che si sviluppano su una scala temporale più lunga, quali la perdita di acqua potabile o la deforestazione e problemi socio-economici quali la disoccupazione e la mancanza di abitazione.
I primi utenti aderenti hanno registrato una serie di benefici. A tale riguardo, Nella giornata di giovedì 22 novembre, giornata centrale del Forum, i sindaci dei Comuni Italiani che hanno già adottato la Scorecard riceveranno il certificato di adesione a “città resilienti delle Nazioni Unite”.

Nella Scorecard di UNISDR si parla di 10 Essentials, (in pratica elementi essenziali) che offrono una copertura ampia rispetto alle questioni che le città hanno bisogno di affrontare per aumentare la loro resilienza ai disastri.

1. organizzarsi per la resilienza ai disastri
2. identificare, comprendere e utilizzare gli scenari di rischio presenti e futuri
3. rafforzare le capacità finanziarie per la resilienza
4. perseguire uno sviluppo umano resiliente
5. salvaguardare le interfacce naturali per migliorare le funzioni protettive offerte dagli ecosistemi naturali
6. rafforzare la capacità istituzionale alla resilienza
7. comprendere e rafforzare la capacità della società alla resilienza
8. aumentare la resilienza delle infrastrutture
9. garantire una risposta efficace ai disastri
10. accelerare il recupero e garantire una migliore ricostruzione
 

Resilience: “The capacity of a system, community or society potentially exposed to hazards to adapt, by resisting or changing in order to reach and maintain an acceptable level of functioning and structure This is determined by the degree to which the social system is capable of organising itself to increase this capacity for learning from past disasters for better future protection and to improve risk reduction measures.” UN/ISDR. Geneva 2004.