News

Donazioni Emilia, Lombardia e Veneto: il Comitato dei Garanti riunito a Bologna

18 giugno 2014

Dopo l’incontro sono stati fatti dei sopralluoghi sulle opere in costruzione

Il Castello delle Rocche di Finale Emilia crollato dopo il sisma di maggio 2012Lo scorso 16 giugno si è riunito a Bologna, nella sala della Giunta della Regione Emilia-Romagna, il Comitato dei Garanti istituito per assicurare il corretto utilizzo dei fondi raccolti attraverso gli sms e le telefonate solidali in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici di maggio 2012 in Emilia-Romagna, Veneto e Lombardia.

L’incontro è stato occasione per fare il punto sull’avanzamento dei vari progetti approvati dai Garanti. Sono state inoltre valutate e approvate alcune proposte di rimodulazione dei progetti presentate dall’Emilia-Romagna.

In particolare, il Comitato ha approvato le proposte di modifica di destinazione dei fondi relative ai progetti nei comuni di Finale Emilia (Mo), San Prospero (Mo), Luzzara (Re) e Pieve di Cento (Bo). Nel dettaglio, la donazione di 1.100.000 euro destinata inizialmente alla realizzazione della palestra delle scuole elementari e medie di Finale Emilia è stata assegnata alla riqualificazione del centro sportivo comunale, poiché la palestra è stata finanziata con fondi del Commissario delegato.

Il Comune di San Felice sul Panaro era titolare di un finanziamento di 1 milione di euro per il Centro sportivo. Poiché l'opera è stata finanziata con altri fondi commissariali, il milione è stato ripartito in 800 mila euro al Comune di San Prospero per la costruzione della nuova scuola media statale Dante Aligheri e 200 mila al Comune di Camposanto per la costruzione della nuova scuola primaria Giannone.

Il comune di San Prospero ha invece chiesto di far convergere parte dei fondi destinati alla costruzione della “casa del volontariato” - per la quale erano previsti inizialmente 150mila euro - sul progetto della scuola Dante Alighieri, considerate l’urgenza e la priorità di realizzazione del nuovo plesso scolastico e la necessità di rispondere alle esigenze educative del territorio. La Dante Alighieri viene finanziata dagli 800mila euro del Comune di San Felice sul Panaro e dai 100mila euro stornati dalla "casa del volontariato", per un totale di 900mila euro. Gli oneri per la costruzione della scuola sono stati quantificati in 1.045.000 euro. A questi si potrà far fronte con i 900mila euro provenienti dalle donazioni mediante numeri solidali, mentre i restanti 145mila euro sono stati messi a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna, grazie ad ulteriori donazioni sul conto corrente regionale.

Il Comune di Luzzara, beneficiario di 300mila euro, ha chiesto di poter destinare tutta la somma alla realizzazione della sala polivalente e di non ripartirla, come inizialmente previsto, su tre diversi interventi di recupero. È stata approvata anche la proposta di modifica relativa ai progetti nel comune di Pieve di Cento: i 600mila euro provenienti dagli sms solidali saranno destinati al ripristino dell’asilo nido. 

Dopo la riunione i membri del Comitato hanno visitato alcune delle zone colpite dal sisma in Emilia-Romagna, con l’obiettivo di verificare quanto già realizzato con i fondi degli sms solidali. I Garanti sono stati in Provincia di Modena, a Bomporto, sul cantiere della scuola primaria di Solara e prima di rientrare a Bologna hanno fatto un ulteriore sopralluogo a Minerbio, dove è già stata ultimata la ristrutturazione della sede del Municipio.


Foto di repertorio: il Castello delle Rocche di Finale Emilia dopo il sisma