Eventi

Mostra "Terremoti d'Italia"

copertina terremoti d'italia

Evento Terremoti d'Italia
Tipo Mostra
Lingua Italiano, Inglese
Dove Rende (CS), Museo del presente
Quando

21 febbraio - 21 marzo 2015

Orario

Scuole. Dal martedì al venerdì, due turni per gruppi di 50 studenti al massimo solo su prenotazione in questi orari: 9.30-11.30 e 11.30-13.30

Visitatori. Ingressi ogni ora per gruppi di 25 persone al massimo in questi giorni e orari: martedì-venerdì 15.30-19.30, sabato 9.30-13.30 e 15.30-19.30

Informazioni

Organizzatori:

Centro servizi volontariato della Provincia di Cosenza

Prenotazioni visite guidate (gruppi/scuole)

eventi@csvcosenza.it*

Stampa

Ufficio stampa Dipartimento della Protezione Civile:
• +39 06 68202373
• ufficio.stampa@protezionecivile.it

*Nella richiesta di prenotazione si prega di specificare: nome dell'Istituto scolastico e del Comune; nominativo e recapito telefonico di un referente; classe e numero dei partecipanti; preferenza di una fascia oraria; data della visita e due possibili alternative.
 


L'ingresso della mostra "Terremoti d'Italia"La mostra itinerante “Terremoti d’Italia”, promossa dal Dipartimento della Protezione Civile, ci invita a conoscere da vicino uno dei rischi naturali che più interessa il nostro Paese in termini di diffusione: il rischio sismico.

Solo nel secolo scorso, in Italia, sono stati ben 60 i terremoti che hanno provocato danni gravi. Venti di questi hanno avuto effetti distruttivi tali da causare la morte di 120 mila persone, oltre che la devastazione di interi centri urbani e la paralisi delle attività produttive nelle aree colpite. Oggi sappiamo che quasi la metà del nostro Paese è soggetta a elevata pericolosità sismica e che in questa vasta porzione di territorio vive il 40 per cento della popolazione.

“Terremoti d’Italia” punta a stimolare i cittadini, in particolare i più giovani, a un ruolo attivo nel campo della prevenzione. Attraverso la memoria degli eventi sismici del passato e la conoscenza del fenomeno fisico, degli strumenti utilizzati per misurarne la forza, dei comportamenti da adottare in situazioni di rischio, delle soluzioni tecnologiche grazie alle quali è possibile ridurre la vulnerabilità delle costruzioni. Ma anche attraverso l’esperienza diretta. Due spettacolari tavole vibranti, appositamente progettate per simulare il movimento sismico, permettono ai visitatori di vivere in sicurezza l’esperienza del terremoto e di osservarne da vicino gli effetti.

La mostra affronta i vari temi con un linguaggio semplice e una vasta tipologia di contenuti espositivi: documenti, fotografie, video, strumenti di misura di epoche diverse, dispositivi antisismici realizzati sulla base delle più recenti tecnologie. Grazie poi alla collaborazione di archivi, biblioteche, enti pubblici e privati, ogni tappa si arricchisce di exhibit inediti, che illustrano le caratteristiche del rischio sismico nel territorio specifico. Per i più giovani, inoltre, la possibilità di un percorso guidato da educatori esperti e basato sull’interazione con strumenti-gioco. Apprendimento multidisciplinare e approccio partecipativo sono le caratteristiche che rendono “Terremoti d’Italia” una mostra per tutti.