Dossier

Programma per la prevenzione, preparazione e risposta alle inondazioni nei Balcani Occidentali e in Turchia - IPA FLOODS

 

Programma per la prevenzione, preparazione e risposta alle inondazioni nei Balcani Occidentali e in Turchia - IPA FLOODS

IPA FLOODS “Prevention, preparedness and response to floods in the Western Balkans and Turkey'' (Programma per la prevenzione, preparazione e risposta alle inondazioni nei Balcani Occidentali e in Turchia) è il Programma finanziato dalla Commissione Europea DG ECHO con l’obiettivo di contribuire alla riduzione dell'impatto negativo del rischio alluvione sia nella Regione direttamente interessata, sia nei vicini Stati europei.

Il consorzio di realizzazione del Programma è guidato dal Dipartimento Italiano della Protezione Civile (DPC) e composto dalla Fondazione CIMA, dalle autorità di Protezione civile della Croazia (Croatian National Protection and Rescue Directorate - NPRD); della Slovenia (Administration of the Republic of Slovenia for Civil Protection and Disaster Relief - URSZR); della Germania (German Federal Agency for Technical Relief - THW); della Svezia (Swedish Civil Contingencies Agency - MSB) and Studiare Sviluppo S.r.l, Italy (StuSvi).

IPA FLOODS è strutturato in due lotti: il primo prevede la realizzazione di Moduli di
Protezione Civile multinazionali per la risposta alle inondazioni del tipo “Soccorso in caso di Inondazione tramite Barche” (FRB), e un programma di capacity bulding per la trasposizione della direttiva Europea Alluvioni nei Paesi beneficiari, il secondo servirà a realizzare Moduli multinazionali di Protezione Civile per la risposta alle inondazioni del tipo Alta Capacità di Pompaggio (HCP) e Contenimento delle Inondazioni (FC).

Albania, Bosnia-Erzegovina, Croazia (solo per il lotto 1), ex Repubblica iugoslava di Macedonia, Kosovo (Tale designazione non pregiudica le posizioni riguardo allo status ed è in linea con la risoluzione 1244 (1999) dell’UNSC e con il parere della CIG sulla dichiarazione di indipendenza del Kosovo.), Montenegro, Serbia e Turchia sono i Paesi beneficiari del Programma.

Il partner principale incaricato della seconda componente del lotto 1 è il Centro Internazionale in Monitoraggio Ambientale (Cima Research Foundation). Le attività previste dal lotto sono strutturate in quattro fasi:

1. valutazione delle esigenze e dello stato di attuazione della Direttiva alluvione nei Paesi beneficiari, analisi dei gaps, analisi e inventario dei dati attuali e relativi alla mappatura del rischio di alluvione;

2. realizzazione di linee guida, raccomandazioni e buone pratiche per la trasposizione della Direttiva alluvioni;

3. implementazione di un programma di assistenza tecnica mirato alle reali necessità dei Paesi beneficiari;

4. realizzazione di un piattaforma informativa per la valutazione preliminare del rischio di alluvioni nei Balcani occidentali e Turchia.

- Avanti Successiva