Dossier

#socialProCiv: la rete social di protezione civile

 

Protezione Civile e social media

momenti del convengo #socialProCivI social media e l’attendibilità delle informazioni
I social media sono strumenti di comunicazione molto potenti, divenuti negli ultimi anni parte integrante della vita quotidiana di tantissime persone. La loro caratteristica rivoluzionaria, rispetto ai media tradizionali, è quella di creare delle reti sociali in cui ogni singolo individuo può partecipare e contribuire illimitatamente sia alla trasmissione che alla condivisione di informazioni di qualsiasi genere. Questo fa sì che, in ambito di protezione civile, i social media rappresentino, allo stesso tempo, un’enorme potenzialità e una sfida impegnativa. In questo contesto, infatti, l’attendibilità, la correttezza e la precisione delle informazioni sono, letteralmente, di vitale importanza.

Il sistema italiano di Protezione Civile
La “protezione civile italiana” è un sistema complesso che opera a livello locale, regionale e statale nel rispetto del principio di sussidiarietà. Autorità di protezione civile è il sindaco, l’istituzione più prossima al cittadino che, sia in ordinario sia in emergenza, detiene le informazioni più dettagliate e attendibili su quanto avviene sul proprio territorio, le strutture operative del Servizio nazionale, le aziende che erogano servizi essenziali, gli organi di informazione e i cittadini. Immaginare, nel nostro sistema, un unico profilo social della Protezione Civile sarebbe improprio, perché la protezione civile, in Italia, non è una singola istituzione ma una funzione attribuita a tante istituzioni e organizzazioni.

Foto di repertorio

- Avanti Successiva