Dossier

Il Meccanismo Unionale di Protezione Civile

 

Il Meccanismo Unionale di Protezione Civile

Meccanismo UnionaleDal 1 gennaio 2014 è in vigore il Meccanismo Unionale di Protezione Civile adottato il 17 dicembre del 2013, con la decisione 1313/2013/UE dal Parlamento Europeo e dal Consiglio. Tale atto riforma il Meccanismo europeo di protezione civile istituito con decisione del Consiglio del 23 ottobre 2001. La nuova Riforma integra, in un solo atto, le attività di cooperazione europea in materia di protezione civile, e la relativa programmazione finanziaria per il periodo 2014– 2020.

La proposta contribuisce a realizzare gli obiettivi della strategia Europa 2020, a migliorare la sicurezza dei cittadini dell'Unione e a potenziare la resilienza alle catastrofi naturali e provocate dall'uomo. Sarà così possibile sostenere e promuovere misure di prevenzione delle catastrofi. Una politica di protezione civile destinata a ridurre i costi indotti dalle catastrofi sull'economia dell'Unione, e con questo gli ostacoli che ne impediscono la crescita.

A livello europeo la Protezione Civile è incardinata nella Direzione Generale Aiuti Umanitari e Protezione Civile della Commissione europea e conta l’adesione dei 28 Paesi membri dell’Unione Europea e dei 3 Paesi appartenenti all’Area Economica Europea, Norvegia, Islanda e Liechtenstein. Il numero sale nel gennaio 2012, con la ratifica del Protocollo d’Intesa da parte della Ex Repubblica Iugoslava di Macedonia (FYROM), che diventa così il 32° Stato partecipante. Durante il semestre di presidenza italiana del Consiglio dell’Unione Europea, anche il Montenegro aderirà al meccanismo unionale beneficiando, così, delle iniziative ad esso correlate.

Obiettivi - dall'intervista di Luigi D'Angelo al "Magazine Protezione Civile"

In considerazione dell'aumento significativo negli ultimi anni del numero e della gravità delle catastrofi naturali e in una situazione nella quale eventi calamitosi futuri più estremi e complessi, con conseguenze di ampia portata e a più lungo termine, saranno dovuti in particolare ai cambiamenti climatici e alla potenziale interazione tra diversi rischi naturali e tecnologici, diventa sempre più importante un approccio integrato alla gestione delle catastrofi.
È opportuno che l'Unione europea promuova la solidarietà e sostenga, integri e faciliti il coordinamento delle azioni degli Stati membri nel settore della protezione civile al fine di rafforzare l'efficacia dei sistemi di prevenzione, preparazione e risposta alle catastrofi naturali e antropiche.”

Strumento dell’Unione Europea - UE, il Meccanismo Unionale nasce per rispondere tempestivamente e in maniera efficace alle emergenze che si verificano su un territorio interno e/o esterno all’UE. Gli obiettivi sono conseguiti attraverso la condivisione delle risorse di tutti gli Stati membri. La nuova normativa europea rafforza i concetti della prevenzione e della preparazione alle catastrofi e implementa la capacità di risposta alle emergenze, nel rispetto dei diritti e degli obblighi assunti reciprocamente dai Paesi partecipanti" .

- Avanti Successiva