Dall’Irpinia a Vermicino: la nascita del Servizio Nazionale della Protezione Civile

“Dopo tre giorni di agonia non ci fu più niente da fare, ci dissero che era morto. Cosa feci quando seppi che non c’era più speranza? Feci una cosa automatica, immediata: mi dissi “Non posso accettarlo”, me lo ripetei a voce alta più volte. Il Presidente della Repubblica Sandro Pertini era arrivato sul luogo senza avvertire le autorità presenti e mi dissero che era ancora lì vicino. Decisi di andare a parlare con lui, perché avevo visto troppe cose assurde in quei giorni. Volevo raccontargli tutto: da quando mio figlio si era perso fino al momento della sua morte. E così feci: Lui mi rispose: “Signora sono sconcertato, non so che dirle, non ho parole, possibile che ci sia stata tutta questa confusione? Possibile che niente abbia funzionato?” Dopo alcuni mesi ricevetti una sua telefonata e mi disse che per me aveva creato un Ministero, quello della Protezione Civile”. [2]

Nel percorso storico che ha portato alla nascita del Sistema di protezione civile, anche la tragedia di Vermicino ha segnato una tappa importante per la presa di coscienza dei limiti del sistema dei soccorsi e della necessità di un maggior coordinamento delle forze coinvolte
nella gestione di un’emergenza. Questa e altre tragedie, prima tra tutte il terremoto dell’Irpinia, hanno alimentato quel dibattito civile e culturale che ha avuto il merito di portare al superamento del vecchio assetto operativo della protezione civile, con la istituzione, nel 1982, del Ministro senza portafoglio per il Coordinamento della Protezione Civile – il primo incarico fu dato a Giuseppe Zamberletti, già Alto commissario per la protezione civile – una sorta di commissario straordinario permanente, e del Dipartimento della Protezione Civile, istituito nell’ambito della Presidenza del Consiglio con a capo Elveno Pastorelli.

[2] Dichiarazione di Franca Rampi, madre di Alfredino e fondatrice del Centro Alfredo Rampi Onlus, nato 30 anni fa all’indomani della tragedia di Vermicino. L’associazione si occupa della prevenzione dei rischi ambientali, della promozione della cultura della sicurezza e della protezione civile, della formazione della popolazione e del soccorso psicosociale in emergenza.


Fonti

Massimo Gamba, Vermicino. L’Italia nel pozzo, Sperling & Kupfer, 2007
L’Italia di Alfredino, La Storia siamo noi, Rai Educational
Vermicino: oggi potrebbe succedere?, Cosmo, Rai tre
Intervista a Massimo Gamba, La linea sottile, Radio Tor Vergata