Storia eruttiva

La costruzione dell’isola di Vulcano iniziò circa 130mila anni fa con la formazione del vulcano Primordiale, un cono centrale la cui evoluzione culminò con un grande sprofondamento che portò alla formazione della caldera del Piano circa 100mila anni fa.

L’attività riprese poco a nord con la formazione dei rilievi lavici del Lentia. Anche questa fase terminò con la formazione di una nuova depressione – la Caldera della Fossa – a seguito di due sprofondamenti avvenuti rispettivamente intorno a 50mila e 15mila anni fa.

Seguì la costruzione del cono della Fossa il cui inizio si fa risalire a circa 6mila anni fa. La formazione di Vulcanello, presumibilmente in epoca medioevale, rappresenta l’ultimo importante atto di costruzione dell’isola.

Le eruzioni storiche sono avvenute nel cratere della Fossa e a Vulcanello.

L’attività vulcanica di La Fossa ha un carattere episodico con crisi eruttive, anche di forti intensità, che si alternano a lunghi periodo di riposo. L’ultima eruzione avvenuta, a La Fossa, risale al 1888-1890 ed è stata caratterizzata da ripetute tipiche esplosioni di energia medio-alta dette appunto “vulcaniane”, che hanno generato flussi piroclastici e la caduta di cenere e bombe “a crosta di pane” di dimensioni da centrimetriche a metriche su tutta l’area di La Fossa fino a circa 2 km di distanza.

Foto e video