Rischio vulcanico

L'intensa attività idrotermale - acque calde, emissioni di gas - e la storia eruttiva di Ischia, indicano che l’isola è un’area vulcanica ancora attiva. Attualmente il vulcano si trova in stato di quiescenza; è comunque importante tenere costantemente monitorato il suo stato di attività, poiché sull’isola vivono stabilmente 50.000 persone.

Sull’isola sono presenti fumarole con temperature massime prossime ai 100°C sulle pendici di Monte Nuovo e Monte Cito e lungo il litorale di Maronti. In altre località le fumarole presenti invece non superano i 46°C.

Ogni anno le stazioni sismiche rilevano pochi eventi di bassa energia, anche se in passato sull'isola si sono verificati forti terremoti che hanno provocato ingenti danni. In particolare, l’evento del 4 marzo 1881 provocò gravi danni a Casamicciola e a Lacco Ameno e fu avvertito anche in altre località. Il terremoto del 28 luglio 1883 fu invece l'evento più catastrofico avvenuto sull'isola negli ultimi secoli: distrusse gran parte della cittadina di Casamicciola e fu distintamente avvertito in tutta l'isola con particolare intensità a Lacco Ameno e Forio.

Glossario