Standard di rappresentazione e archiviazione informatica degli studi di MS

Un esempio di carta geologicaGli standard di rappresentazione e archiviazione informatica, nati quale strumento a supporto dei soggetti realizzatori per facilitare e rendere omogenea l’elaborazione delle carte di microzonazione sismica (MS) realizzate con i fondi dell’art. 11 della legge 77/09, si sono trasformati in uno strumento di riferimento per la costruzione delle legende, l’utilizzo delle simbologie, il popolamento delle tabelle di data base agganciate agli shapefile. Sono uno strumento “dinamico” che è stato aggiornato più volte, recependo numerose osservazioni, ed è stato migliorato nel tempo anche grazie al suo impiego da parte dei soggetti realizzatori.

Gli obiettivi degli standard sono:
- consentire l’elaborazione di rappresentazioni relative ai soli elementi e tematismi significativi per gli studi di MS realizzati per le finalità dell’art.11 della L.77/09 (Fondo nazionale per la prevenzione del rischio sismico), puntando ad una semplificazione e sintesi dei contenuti;
- ottenere l’omogeneità di rappresentazione dei tematismi da parte dei soggetti realizzatori, facilitando la lettura e il confronto dei risultati degli studi di aree differenti;
- garantire un sistema di archiviazione dei dati il più semplice possibile e flessibile.

Gli standard non hanno la pretesa di rappresentare tutte le possibili informazioni di carattere geologico e geomorfologico osservabili sul territorio nazionale, ma unicamente quelle di interesse per la costruzione delle carte di microzonazione sismica. Per tale motivo, per esempio, il contenuto informativo sulle unità geologiche è stato ricondotto a ben definite litologie; come pure gli elementi morfologici, lineari ed areali, sono riconducibili a quelli di interesse per l’individuazione delle instabilità e delle possibili amplificazioni sismiche.
Gli standard sono inoltre funzionali all’inserimento degli studi consegnati dalle Regioni all’interno di un sistema di archiviazione che consentirà la loro consultazione e confronto. La consultazione riguarderà sia gli elaborati cartografici che le basi dati relative alle indagini eseguite sul territorio.

Per facilitare l’inserimento, da parte del soggetto realizzatore, dei dati alfanumerici dei siti, delle indagini e dei parametri delle indagini degli studi di MS, secondo gli standard di archiviazione approvati dalla Commissione tecnica MS 3907/10, è stato predisposto il software “SoftMS”. Il sw facilita la generazione degli identificativi delle indagini e dà garanzia di omogeneità e coerenza nell’inserimento dati. Prevede inoltre la possibilità di stampare i dati secondo un modulo standard (modulo utilizzabile anche per l’eventuale rilevamento cartaceo dei dati).
SoftMS non fa parte degli standard, ma costituisce un ulteriore strumento operativo a disposizione di chi opera in questo settore.