Panarea

Isola di PanareaSituata circa a metà strada tra le isole di Lipari e Stromboli, Panarea è la più piccola delle Isole Eolie con una superficie di soli 3,4 km2.

Come altre isole dell'arco eoliano, Panarea fa parte di un grande apparato vulcanico per lo più sommerso, ad una profondità compresa tra 1200 m e 1700 m, di cui la parte emersa rappresenta l’orlo di una depressione vulcano-tettonica di forma ellittica orientata in direzione Est-Ovest.

La struttura vulcanica si estende complessivamente per 460 km2, andando a costituire nell’insieme un grande cono modellato e modificato non solo dall’attività eruttiva, ma anche da faglie, erosione e variazioni della linea di costa. Ne derivano una costa occidentale caratterizzata da una ripida falesia, mentre a Est e a Sud i versanti degradano verso il mare con zone pianeggianti.

In mare, verso Est, vi sono poi una serie di scogli (Lisca Bianca, Bottaro, Lisca Nera, Dattilo, i Panarelli, le Formiche) e lo scosceso isolotto di Basiluzzo.

Sebbene vicina a Stromboli, Panarea ha una storia vulcanologica completamente diversa: mentre Stromboli è un vulcano ancora attivo, le ultime eruzioni di Panarea sono datate decine di migliaia di anni fa e di molte strutture vulcaniche restano solamente piccole tracce.

Panarea quindi sebbene si trovi in uno stato di quiescenza, è caratterizzata da manifestazioni che testimoniano un vulcanismo molto giovane. Esiste infatti, tra gli isolotti e scogli ad Est dell’isola, una zona caratterizzata da attività esalativa, con fumarole sottomarine attive, luogo di importanti emissioni gassose nell'autunno 2002.

Foto di rilasciata da Dedda71 sotto la licenza Creative-commons-attribuzione 3.0.

Link esterni