Videoconferenze su Stato di attività e Livelli di allerta

L’ultima eruzione del Vesuvio, avvenuta nel 1944, ha segnato la fine di un periodo di attività vulcanica a condotto aperto e l'inizio di un periodo di quiescenza, a condotto ostruito. Dal 1944 ad oggi infatti, il vulcano ha dato solo attività fumarolica e sciami sismici di moderata energia, senza deformazioni del suolo o variazioni significative dei parametri fisici e chimici del sistema.

Ogni mese, di norma, il Dipartimento della protezione civile organizza videoconferenze con il Centro di competenza preposto al monitoraggio dell’attività vulcanica sul Vesuvio: l’Osservatorio Vesuviano dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) e l'Istituto per il rilevamento elettromagnetico dell'ambiente (Irea) del Cnr-Consiglio Nazionale delle Ricerche. Alle videoconferenze partecipa anche la Direzione generale per il governo del territorio, i lavori pubblici e la protezione civile della Regione Campania.

Sulla base delle fenomenologie e delle valutazioni di pericolosità rese disponibili dai Centri di Competenza, il Dipartimento della protezione civile dichiara i livelli di allerta e le fasi operative in stretto raccordo con la struttura di protezione civile della Regione Campania, sentito il parere della Commissione Grandi Rischi - Settore Rischio Vulcanico.

All'esito delle videoconferenze il Dipartimento emette un documento in cui vengono riportati gli esiti delle videoconferenze.
Attualmente il livello di allerta per il Vesuvio è verde.

Esiti della videoconferenza n.8 del 19 novembre 2018(2848 Kb)

Esiti della videoconferenza n.7 del 27 settembre 2018

Esiti della videoconferenza n.6 del 22 agosto 2018(584 Kb) 

Esiti della videoconferenza n. 5 del 25 luglio 2018(592 Kb)

Esiti della videoconferenza n.4 del 14 giugno 2018(621 Kb)

Esiti della videoconferenza n.3 del 13 aprile 2018(89 Kb)

Esiti della videoconferenza n.2 del 9 marzo 2018(141 Kb)

Esiti della videoconferenza n.1 del 25 gennaio 2018(3710 Kb)