Fondi finalizzati del bilancio 2013

Si tratta di fondi il cui importo è specificamente destinato da norme di legge per finanziare:

- i contributi a favore delle Regioni Umbria e Marche per la prosecuzione di interventi conseguenti agli eventi sismici del 1997 per i quali non sono stati attivati mutui previsti dall’articolo 2, comma 107, lettere d) ed e) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, legge finanziaria 2008;
- il cofinanziamento del “Fondo di solidarietà nazionale per gli interventi indennizzatori in agricoltura” la cui gestione è affidata al Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, previsto dall’art. 1, comma 84, della legge 30 dicembre 2004, n. 311, legge finanziaria 2005;
- l’adeguamento strutturale e antisismico degli edifici del sistema scolastico e la costruzione di nuovi immobili sostitutivi degli edifici esistenti, dove indispensabili a sostituire quelli a rischio sismico, previsto dall’articolo 2, comma 276, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, legge finanziaria 2008;
- la riconversione, ricostruzione e bonifica delle acciaierie di Genova-Cornigliano, previsto dall’articolo 5, comma 14 del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 maggio 2005, n. 80;
- gli interventi di bonifica del sito d’interesse nazionale di “Bussi sul Tirino”, previsti dall’articolo 2, comma 3-octies del decreto-legge n. 225/2010, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2011, n. 10;
- il contributo statale a favore della Regione Campania per l’acquisto del termovalorizzatore di Acerra, previsto dall’articolo 12, comma 9, del decreto-legge 2 marzo 2012, n. 16, convertito, con modificazioni ed integrazioni, dalla legge 24 aprile 2012, n. 44;
- il “Fondo per la prevenzione del rischio sismico”, previsto dall’art. 11, comma 1 del decreto-legge 28 aprile 2009, n. 39 convertito, con modificazioni ed integrazioni, dalla legge 24 giugno 2009, n. 77;
- il “Fondo per la ricostruzione delle aree terremotate” colpite dagli eventi sismici del mese di maggio 2012, previsto dall’art. 2 del decreto-legge 6 giugno 2012, n. 74, convertito, con modificazioni ed integrazioni, dalla legge 1° agosto 2012, n. 122;
- le spese per la gestione della flotta aerea antincendio del Dipartimento, previste dall’art. 21, comma 9, del decreto-legge 6 luglio 2011, convertito, con modificazioni ed integrazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111;
- gli interventi nei territori colpiti da vari eventi calamitosi negli anni 2009-2012, previsti dell’art. 1, comma 290 della legge 24 dicembre 2012, n. 228, legge di stabilità 2013;
- gli interventi nei territori colpiti dagli eventi alluvionali dell’anno 2012, previsti dall’art. 1, comma 548 della legge 24 dicembre 2012, n. 228, legge di stabilità 2013.