Attività di monitoraggio

Etna attività di monitoraggio sui crateriLe strutture preposte al monitoraggio dell’attività vulcanica sull’Etna sono l'Osservatorio Etneo – Sezione di Catania dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), l’Ingv di Palermo e il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università degli Studi di Firenze.

Questi Centri di Competenza utilizzano diversi sistemi di monitoraggio che misurano costantemente i parametri significativi dell’attività vulcanica. La rete si compone di diversi sistemi: sismico, acustico, geochimico, delle deformazioni del suolo, magnetico, gravimetrico, radar, visivo con telecamere ottiche e termiche.

I dati acquisiti dalla rete multi-parametrica vengano integrati con informazioni provenienti da sensori satellitari ottici, termici e radar ad alta risoluzione (Modis, Cosmo-SkyMed, Sentinel, ecc.) che permettono l’osservazione del vulcano anche in caso di copertura nuvolosa.