Analisi e valutazione della gestione dell'emergenza Abruzzo

Immagine geometricaIl 25 giugno 2010 il Dipartimento della Protezione Civile ha istituito un gruppo di lavoro per analizzare e valutare la gestione dell'emergenza terremoto in Abruzzo tra il 6 aprile 2009 e il 31 gennaio 2010.

La composizione del gruppo e i suoi obiettivi sono stati definiti con decreto del Capo Dipartimento, concluso il passaggio di consegne con il Commissario per la ricostruzione e l'affiancamento della nuova struttura tecnica di missione. Questo stesso decreto ha fissato il termine delle attività il 31 dicembre 2010, poi prorogato al 30 giugno 2011 con decreto del 28 marzo.

L’obiettivo dell'iniziativa è stato analizzare il modello adottato dal Dipartimento per coordinare il Servizio Nazionale della Protezione Civile nella gestione dell’emergenza in Abruzzo. Ogni attività, realizzata da un insieme complesso di organizzazioni, strutture e persone ha infatti bisogno di una valutazione e di una verifica comune dei risultati raggiunti. Per questo, il Dipartimento ha raccolto le esperienze dei propri dipendenti, dei volontari, degli operatori di Regioni, Province, Comuni, strutture operative, ordini professionali e imprese. Tra gli strumenti utilizzati, ha aperto una consultazione su questo sito web che si è conclusa il 31 dicembre 2010.

Lo scorso ottobre, il gruppo di lavoro ha presentato i primi risultati dell’analisi che ha previsto l’individuazione di 9 aree tematiche, e la definizione, per ciascuna di queste, di progetti per superare le criticità. In particolare, le aree tematiche sono: Attività normativa e gestione operativa, Gestione delle vittime e dei feriti, Donazioni, Aree di accoglienza e alberghi, Realizzazione di insediamenti e strutture temporanee, Contact center e Ufficio relazioni con il pubblico, Agibilità, Rapporto con gli enti locali, con le altre amministrazioni e con i cittadini, Sistema di comando e controllo. Alcuni dei progetti per queste aree sono già in corso d’opera, altri sono in programma ma devono ancora essere avviati, altri ancora sono da definire.

 

Il Gruppo di lavoro che è stato istituito per analizzare e valutare la gestione dell'emergenza terremoto in Abruzzo è coordinato dal Capo Dipartimento della Protezione Civile e si struttura in due Unità:

  • un'Unità di indirizzo e coordinamento, costituita dal direttore dell'ufficio Emergenze, dal direttore dell'Ufficio Rischio sismico e vulcanico, da un rappresentante del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, da uno delle Forze Armate e da uno del Sistema di Protezione civile delle Regioni e delle Province autonome;
  • un'Unità di sintesi, coordinata dal dirigente del Servizio Diffusione della conoscenza di protezione civile.

Il gruppo può richiedere il coinvolgimento nelle proprie attività dei rappresentanti delle Istituzioni territoriali, dei referenti delle Organizzazioni di volontariato, dei Comitati e delle Associazioni di cittadini, di Enti e Amministrazioni pubbliche e private che hanno partecipato alla gestione dell'emergenza. Inoltre, può servirsi della collaborazione di Atenei e istituti di ricerca italiani competenti per analizzare e sintetizzare le proprie attività.