Protezione Civile Sardegna: inaugurato il nuovo sistema di sale operative

sala operativa sardegna di Francesca Mieli  


Presentato sabato 30 giugno 2018 il nuovo complesso di sale operative del Sistema Regionale di protezione civile della Regione Sardegna, un nuovo assetto logistico entrato in operatività a febbraio, inaugurato dal presidente della Regione Francesco Pigliaru, dall’assessora della Difesa dell’ambiente Donatella Spano in occasione della visita in Sardegna del Capo Dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli, che si è congratulato per gli obiettivi raggiunti e ha dichiarato: “L’inaugurazione di una sala operativa regionale efficiente e moderna è un momento importante non solo per il territorio su cui opererà ma per l’intero sistema di Protezione Civile, che cresce ogni giorno di più con il lavoro e l’impegno di tutte le sue componenti. Grazie a questa sala, da oggi la Sardegna potrà contare su un più attento monitoraggio del territorio, fondamentale per fornire una pronta risposta alle emergenze. Lavoriamo ogni giorno per garantire la sicurezza dei cittadini e in giornate come questa raccogliamo i frutti di questo lavoro.”

A fronte di un investimento pari a 1.160.000 euro, è un traguardo, quello della Sardegna, che ha soltanto seguito l’inserimento della regione nella rete di protezione civile nazionale grazie al Centro funzionale Decentrato, l’entrata in vigore del manuale operativo delle allerte, il nuovo sistema di avvisi meteo e di rischio idrogeologico, il potenziamento della rete di monitoraggio e sorveglianza, la rete radio digitale e il radar inaugurato ad aprile a Monte Rasu. È stata Donatella Spano, assessora delegata alla Protezione civile dal presidente Pigliaru, a illustrare l’ impegno portato avanti dal 2014 che ha permesso alla Sardegna di mettersi al pari delle altre regioni e fornirgli la migliore Protezione civile possibile, rafforzando anno dopo anno la sinergia con le Amministrazioni comunali, i diversi attori territoriali e in generale i cittadini e gli studenti.

Il direttore regionale della Protezione civile, Graziano Nudda , ha presentato il nuovo allestimento delle sale e l’intero sistema, che comprende la Sala operativa regionale integrata (Sori), – fulcro delle comunicazioni e del monitoraggio delle attività di emergenza, il Centro funzionale decentrato (Cfd) con le due componenti Idro e Meteo, la Sala radio del Sistema Regionale e la Sala decisioni. Inoltre, durante la campagna anticendio boschivo, la Sori è in grado di ospitare la sezione Soup, cioè la Sala operativa unificata permanente che coordina le operazioni di spegnimento con la flotta aerea regionale e nazionale e monitora le squadre d’intervento a terra, garantendo il coordinamento delle strutture operative regionali e statali. Ogni sala ha in dotazione appositi sistemi di visualizzazione, videowall, corredati di relativi sistemi di controllo, software di gestione e di tutti gli accessori essenziali alla corretta messa in servizio dell’intero sistema.

Nelle giornate del 26 e 27 giugno scorsi è stata effettuata un’esercitazione regionale che ha permesso di testare in condizioni di massimo realismo possibile, l’organizzazione, il coordinamento e la prontezza della risposta all’evento emergenziale.
La simulazione, che ha ipotizzato uno scenario di allagamento ed evacuazione in tre centri abitati del Cagliaritano, ha consentito di testare gli strumenti a disposizione della Sori, del Ccs (Centro operativo Soccorsi) e dei Coc (Centri operativi Comunali) per la gestione degli eventi emergenziali, al fine di evidenziare eventuali criticità e mettere alla prova le procedure operative e la capacità, in termini qualitativi e qualitativi, della risposta operativa e l’intero flusso delle comunicazioni.  

(fonte foto: www.regione.sardegna.it)



(July 4, 2018)