Ufficio I - Volontariato, promozione e integrazione del Servizio Nazionale



L'Ufficio I – Volontariato, promozione e integrazione del Servizio Nazionale:

a) promuove lo sviluppo del volontariato organizzato di protezione civile;

b) supporta l’attività degli organismi di rappresentanza del Volontariato di protezione civile;

c) promuove le attività informative e formative realizzate dal Servizio Nazionale, per assicurare l’integrazione del Dipartimento e delle diverse componenti e strutture operative;

d) promuove la diffusione della conoscenza della protezione civile in ogni ambito, a partire da quello scolastico;

e) cura le relazioni internazionali del Dipartimento;

f) coordina la partecipazione del Dipartimento negli organismi di collaborazione tra Stato, Regioni ed Enti Locali per i temi di protezione civile.

 

L'Ufficio si articola nei Servizi:

Dirigente responsabile: Nadia Padovan
e-mail: volontariato@protezionecivile.i

Il Servizio volontariato cura:

  • l’elaborazione di modelli organizzativi e procedure per promuovere l’attività e lo sviluppo delle organizzazioni di volontariato di protezione civile nei settori della formazione, dell’addestramento e della mobilitazione nelle diverse fasi delle attività di protezione civile;
  • la progettazione, programmazione e realizzazione delle attività per assicurare il concorso delle organizzazioni di volontariato alle attività del Servizio Nazionale in situazioni di emergenza, nonché per le attività di prevenzione non strutturale;
  • la predisposizione di atti di indirizzo finalizzati allo sviluppo ed impiego delle organizzazioni di volontariato;
  • le attività tecnico amministrative e istruttorie in tema di rimborsi e contributi alle Organizzazioni di volontariato;
  • il supporto alle attività degli organismi di rappresentanza delle organizzazioni di volontariato di protezione civile.

Dirigente responsabile:
e-mail: formazione@protezionecivile.it

Il Servizio Formazione e diffusione della conoscenza della Protezione Civile cura:

  • la progettazione, programmazione e realizzazione dei modelli e delle attività di formazione delle diverse componenti e strutture operative con l’obiettivo di promuovere la diffusione di linguaggi e procedure comuni nell’intero del Servizio Nazionale;
  • la progettazione, programmazione e realizzazione delle attività formative del personale del Dipartimento, in collaborazione con il Segretariato Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri;
  • la partecipazione del personale del Dipartimento a progetti formativi in qualità di esperti o docenti;
  • la progettazione, programmazione e realizzazione di iniziative volte a diffondere la conoscenza in materia di protezione civile e a favorire la partecipazione attiva dei cittadini;
  • la progettazione, programmazione e realizzazione di progetti dedicati agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado e delle Università, in materia di protezione civile;
  • la progettazione, programmazione e realizzazione dei progetti di Servizio civile del Dipartimento.

Dirigente responsabile: Fabio Maurano
e-mail: relazioni.istituzionali@protezionecivile.it

Il Servizio relazioni istituzionali e organi collegiali cura:

  • la gestione delle istruttorie per la concessione del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri alle manifestazioni di interesse e delle benemerenze di protezione civile;
  • il supporto alle attività del Comitato paritetico Stato - Regioni - Enti locali e degli altri organismi di confronto e collaborazione tra Stato, Regioni ed Enti territoriali, per i temi di protezione civile.

Dirigente responsabile: Giovanni De Siervo

Il Servizio relazioni e attività internazionali cura:

  • le relazioni con gli organismi nazionali responsabili per le azioni di cooperazione internazionale, con gli organismi europei e internazionali e con i singoli Stati in materia di protezione civile;
  • le relazioni con il Centro di coordinamento della risposta in emergenza (ERCC) della Commissione Europea ed elaborazione di modelli organizzativi e procedure per la partecipazione del Servizio Nazionale alla capacità di risposta europea;
  • la partecipazione alla formazione del processo normativo in ambito Europeo e attività relative al Fondo di Solidarietà dell’Unione Europea.