Dettaglio

Emergenza Coronavirus, è online il decreto legge “Cura Italia”

18 marzo 2020

Il provvedimento, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 70 del 17 marzo 2020, interviene su quattro fronti principali e con misure settoriali

 

È online, nella Gazzetta Ufficiale n.70 del 17 marzo 2020, il decreto legge che introduce misure di potenziamento del servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, approvato dal Consiglio dei Ministri chesi è riunito il 16 marzo 2020 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Giuseppe Conte.

Il decreto interviene con provvedimenti su quattro fronti principali e altre misure settoriali:
finanziamento e altre misure per il potenziamento del Sistema sanitario nazionale, della Protezione civile e degli altri soggetti pubblici impegnati sul fronte dell’emergenza;
sostegno all’occupazione e ai lavoratori per la difesa del lavoro e del reddito;
supporto al credito per famiglie e micro, piccole e medie imprese, tramite il sistema bancario e l’utilizzo del fondo centrale di garanzia;
sospensione degli obblighi di versamento per tributi e contributi nonché di altri adempimenti fiscali ed incentivi fiscali per la sanificazione dei luoghi di lavoro e premi ai dipendenti che restano in servizio.

In particolare, per quanto riguarda il primo punto, all’art. 6 il decreto prevede che la Protezione Civile possa disporre la requisizione da soggetti pubblici o privati di presidi sanitari e medico-chirurgici e di beni mobili necessari per fronteggiare l’emergenza sanitaria, per assicurare la fornitura delle strutture e degli equipaggiamenti alle aziende sanitarie o ospedaliere presenti sul territorio nazionale, e per implementare il numero di posti letto specializzati nei reparti di ricovero dei pazienti affetti da COVID-19.

Nei casi in cui occorra disporre temporaneamente di beni immobili per far fronte ad improrogabili esigenze connesse con l’emergenza, il Prefetto su proposta del Dipartimento della protezione civile, può disporre la requisizione in uso di strutture alberghiere, ovvero di altri immobili con analoghe caratteristiche di idoneità, per ospitare le persone in sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario o in permanenza domiciliare, laddove tali misure non possano essere attuate presso il domicilio della persona interessata.

Il decreto legge, inoltre, autorizza il Dipartimento della protezione civile ad aprire uno o più conti correnti bancari dedicati in via esclusiva alla raccolta ed utilizzo delle donazioni liberali di somme finalizzate a far fronte all'emergenza epidemiologica del virus COVID-19, considerate le molteplici manifestazioni di solidarietà pervenute.

È prevista, infine, la nomina con decreto del Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure occorrenti per il contenimento e il contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID-19. Il Commissario opera in raccordo con il Capo del Dipartimento della Protezione civile, avvalendosi delle componenti e delle strutture operative del Servizio nazionale della Protezione civile e del Comitato tecnico scientifico previsto dall’ordinanza del Capo del dipartimento della protezione civile del 3 febbraio 2020, n. 630.