Dettaglio

Il Cadore ospita il 17° Campionato di sci di Protezione civile

23 gennaio 2020

Atleti del mondo della protezione civile provenienti da tutta Italia si affrontano sulle piste di Auronzo e Comelico Superiore. L’evento sportivo è un’occasione di scambio di esperienze professionali

 

«Sono veramente lieto di condividere con voi un appuntamento tradizionale tra i più attesi da tutto il Sistema Nazionale, qual è quello dei Campionati di sci di Protezione Civile che verrà ospitato nella Regione Veneto, tra le Dolomiti Bellunesi. In questa regione che solamente due mesi fa è stata colpita dalla pesante ondata di maltempo che ha interessato in modo particolare Venezia e gli altri comuni della laguna e del litorale».

Sono le parole con le quali il Capo Dipartimento Angelo Borrelli ha lanciato la diciassettesima edizione del Campionato, l’evento sportivo che si svolge fino a domenica 26 gennaio 2020 ad Auronzo di Cadore e Comelico Superiore che ha l’obiettivo di offrire a coloro che sono attivi in un’organizzazione di protezione civile o sono membri di un’organizzazione di volontariato l’opportunità di testare non sola la propria forza sportiva nelle competizioni ma soprattutto di scambiare esperienze professionali.

I campionati vedranno la partecipazione di appassionati di sci e tavola provenienti da tutta Italia che si cimenteranno nelle quattro specialità di sci alpino, nordico, scialpinismo e snowboard, suddivisi tra uomini e donne in categorie a seconda dell’età anagrafica.

La manifestazione ha dunque lo scopo di riunire tanti volontari, che avranno l’opportunità di approfondire insieme esperienze e progettualità di Protezione Civile, ma anche per far conoscere ancor più e meglio il Cadore. Portare i Campionati 2020 ad Auronzo e Comelico, ha sottolineato l’assessore all’ambiente e protezione civile della Regione Veneto, Gianpaolo Bottacin, «rientra in un’unica strategia con cui miriamo a sottolineare l’importanza di aree come queste, che non possono essere limitate nelle loro legittime aspettative di crescita turistica né sottoposte a ulteriori vincoli, che avrebbero quale unica conseguenza quella di portare allo spopolamento con inevitabile messa a rischio del territorio anche dal punto di vista della sicurezza».

L’evento può essere seguito sul sito https://www.campionatiscipc2020.it/ e sui profili social del Dipartimento.