Dettaglio

2 giugno: celebrazioni per il 73° Anniversario della Repubblica italiana

31 maggio 2019

Tra le autorità presenti alla manifestazione, anche il Capo del Dipartimento Angelo Borrelli

 

“Inclusione” intesa come il diritto di ogni persona di poter esercitare, nella società di cui è parte, le stesse opportunità. Questo il tema scelto quest’anno per la celebrazione del  2 giugno, Festa della Repubblica.

Partecipa alla tradizionale Rivista in via dei Fori Imperiali una rappresentanza del Servizio nazionale della Protezione Civile che chiude il Settimo Settore, “Corpi Armati e non dello Stato”. A bordo dei veicoli, in rappresentanza di tutto il Servizio Nazionale, sfila il personale del Dipartimento della Protezione Civile insieme ad alcune componenti delle strutture operative, delle organizzazioni di Volontariato e della comunità tecnica e scientifica. Partecipano al Sistema tutti i Sindaci italiani, prima autorità di protezione civile sul territorio, le Regioni e le Province oltre a  tutte le risorse del Paese altamente specializzate: i Vigili del Fuoco, le Forze Armate e Forze di Polizia, il Volontariato, il Soccorso Alpino e Speleologico, la Croce Rossa, il Servizio Sanitario nazionale e la comunità scientifica e le aziende di pubblica utilità.

Tra le attività principali svolte dal Dipartimento nel corso del 2018, il coordinamento dei soccorsi a seguito del crollo del Ponte Morandi, a Genova, e l’assistenza alla popolazione in occasione degli sciami sismici che hanno interessato l’area etnea e molisana, la risposta all’eccezionale ondata di maltempo che in autunno ha provocato danni ingenti in 11 Regioni italiane. Di recente, in ambito internazionale il Sistema ha operato in Africa, in Mozambico, in supporto al governo locale, allestendo un PMA di secondo livello nella città di Beira, assicurando l’assistenza sanitaria della popolazione colpita da una terribile inondazione. È inoltre proseguita l’attività di assistenza alla popolazione nelle regioni Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria, interessate dai terremoti verificatisi tra il 2016 e il 2017. Ha poi assicurato il coordinamento della flotta aerea dello Stato impegnata nello spegnimento degli incendi boschivi sia nel corso della campagna estiva, sia nella stagione invernale. In ambito europeo la flotta italiana ha operato anche a supporto delle operazioni di spegnimento di vasti incendi in Svezia e in Grecia, oltre la recentissima operazione in Israele.

Le celebrazioni del 2 giugno, come da tradizione, avranno inizio a Roma, in Piazza Venezia, dove il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, accompagnato dalle più alte cariche dello Stato, deporrà una corona d’alloro al Sacello del Milite Ignoto in ricordo di tutti i militari e i civili che hanno servito e servono lo Stato con impegno ed abnegazione, sino all’estremo sacrificio della vita.
Quest’anno parteciperanno agli sfilamenti i veterani, il personale civile della Difesa e della riserva selezionata. Ottocento bambini, provenienti da diverse scuole italiane, assisteranno allo sfilamento dalle tribune, nell’ambito di un progetto fortemente voluto e sostenuto dal Presidente della Repubblica. Il Tricolore, simbolo della giornata, sarà esposto su tutti i Palazzi dei Dicasteri e colorerà il Colosseo.

Informazioni dettagliate e immagini dell’evento saranno disponibili sul portale del Ministero della Difesa nell’area dedicata al 2 giugno 2019. In particolare, è possibile seguire la cerimonia sui profili Instagram, Twitter, Facebook del Ministero con l’hastag #2giugno e #SeguiLaDifesa.

 

(fonte foto in evidenza: Presidenza della Repubblica www.quirinale.it)