Terremoto in Albania

A seguito del terremoto di magnitudo 6.4, che il 26 novembre 2019 colpisce l'Albania, il Dipartimento della Protezione Civile interviene portando soccorso e assistenza alla popolazione

 

 

Alle 3.54 del 26 novembre 2019 un forte scossa, di magnitudo 6.4, colpisce la Repubblica di Albania, nell’area centro settentrionale. 51 le vittime e oltre 650 i feriti, numerosi i crolli e i danni, in particolare a Durazzo, Kruje e nella frazione di Thumane. Oltre 4.000 persone devono lasciare la propria casa.

Il Dipartimento della Protezione Civile, attraverso l’Unità di Crisi immediatamente attivata, segue sin da subito la situazione. L’Italia,  decide di intervenire in territorio albanese portando immediato soccorso e assistenza alla popolazione. Le squadre italiane partono lo stesso 26 novembre.

L’azione si concretizza nell’invio di team per il supporto al primo coordinamento, squadre specializzate nel Search and rescue in ambito urbano, risorse per l’assistenza allla popolazione e successivamente nel sostegno ai tecnici albanesi per le verifiche di agibilità.

Il 2 dicembre il Consiglio dei Ministri dichiara lo stato di emergenza, con durata semestrale, per l’emergenza connessa al terremoto del 26 novembre in Albania, che consente l’intervento del Dipartimento della Protezione Civile e delle altre strutture operative in territorio albanese nell'ambito delle iniziative dell’ERCC- Emergency Response and Coordination Center della Commissione Europea (DG-ECHO).