Emergenza coronavirus: come donare



Fin dall’inizio dell’emergenza epidemiologica legata al virus COVID-19 lo slancio solidale è stato molto forte e partecipato.

Per questo motivo il Dipartimento della Protezione Civile ha aperto due conti correnti bancari per due raccolte specifiche: la prima, finalizzata all’acquisizione di dispositivi di protezione individuali e attrezzature sanitarie; la seconda, a sostegno delle famiglie degli operatori sanitari che, impegnati nello svolgimento delle attività emergenziali, hanno perso la vita a causa del Coronavirus. 


Fondo per l’acquisizione di dispositivi di protezione individuali e attrezzature sanitarie

Le donazioni sono finalizzate all’acquisizione di dispositivi di protezione individuali, respiratori, ventilatori, presidi medico-chirurgici, allestimenti per stanze di terapia intensiva.

La cifra raccolta è pari a 157.065.181 euro, di cui 147.613.761 euro di bonifici in uscita, suddivisi in 14.405.456 euro per ventilatori, 128.247.392 euro per Dispositivi di protezione individuale e 4.960.913 euro per le spese di trasporto (aggiornamento al 29 maggio 2020).

È possibile donare tramite bonifico sia dall'Italia sia dall'estero attraverso le seguenti coordinate bancarie:

Banca Intesa Sanpaolo Spa
Filiale di Via del Corso, 226 - Roma
Intestato a Pres. Cons. Min. Dip. Prot. Civ.
IBAN: IT84Z0306905020100000066387
BIC: BCITITMM

Fondo per le famiglie degli operatori sanitari che hanno perso la vita nella lotta al Coronavirus - Sempre con voi

Le donazioni hanno l’obiettivo di sostenere le famiglie di medici e infermieri che hanno perso la vita a causa del Covid-19 svolgendo sul campo le attività di contrasto al coronavirus.

La cifra raccolta è pari a 8.994.143 euro (aggiornamento al 29 maggio 2020).

È possibile donare tramite bonifico sia dall'Italia sia dall'estero attraverso le seguenti coordinate bancarie:

Banca Intesa Sanpaolo Spa
Filiale di Via del Corso 226 - ROMA
Intestato a Pres. Cons. Min. Dip. Prot. Civ. -Vittime Sa
IBAN: IT66J0306905020100000066432
BIC: BCITITMM

L’Agenzia delle Entrate, con risoluzioni 21/E del 28 aprile 2020 e 25/E del 14 maggio 2020, ha chiarito le modalità da adottare e la documentazione da conservare per beneficiare delle agevolazioni fiscali ex articolo 66 del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18.
In particolare, i donatori che abbiano versato direttamente nel conto di Tesoreria n. 22330 intestato alla Presidenza del Consiglio dei ministri devono essere in possesso di copia del bonifico con indicazione di una causale riconducibile ad una erogazione liberale destinata al contrasto del Covid-19, mentre coloro che abbiano donato in uno dei dedicati conti correnti bancari intestati al Dipartimento della protezione civile presso la Banca Intesa Sanpaolo S.p.A.  (nn. 66387 o 66432), devono essere in possesso di copia del bonifico nei menzionati conti correnti, o di analoga documentazione dalla quale emerga che l’operazione è avvenuta tramite strumenti tracciabili (carte di debito, carte di credito, carta prepagata, assegni bancari e assegni circolari).

Con riferimento, invece, alle erogazioni effettuate tramite collettori intermediari, ad esempio mediante piattaforme di crowdfunding, nonché quelle eseguite per il tramite degli enti richiamati dall’articolo 27 della legge n. 133 del 1999, i donatori devono essere in possesso della ricevuta del versamento (bancario o postale, estratto conto della società che gestisce la carta di credito, la carta di debito o la carta prepagata) ovvero della ricevuta attestante che l’operazione è stata effettuata su piattaforme messe a disposizione dai collettori intermediari o di crowdfunding nonché della attestazione rilasciata dal collettore, dal gestore della piattaforma di crowdfunding o dagli enti di cui al Dpcm 20 giugno 2000, dalla quale emerga che la donazione è stata versata nei conti correnti bancari dedicati all’emergenza COVID-19 (cfr. risoluzioni n. 441/E del 17 novembre 2008 e n. 160/E del 15 giugno 2009 in tema di erogazioni liberali effettuate per il tramite dei datori di lavoro).

In caso di raccolte effettuate su altri conti correnti, il promotore della raccolta, previa esibizione al Dipartimento della protezione civile dei bonifici di versamento nel conto di Tesoreria 22330 ovvero nei conti correnti bancari 66387 e 66432, riceverà specifica ricevuta dalla quale risulti, oltre all’avvenuto accreditamento della somma, che le donazioni sono state finalizzate a finanziare interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza COVID-19